Il primo o il terzo comandamento

Salto, giro e cerco
il meglio. A scrivere
finchè la penna non si usura.
L’ebreo ed il suo peccato.

Scrivo, giro e calli-grafo.
La pagina mia beve versi,
vuole che altro Moet le versi,
ed io, di drink, ne conosco diversi.
E non è
così vero che fan bene
al poeta,
ch’anch’egli sbocca
e perde la penna.

Così lego, trigo e m’ingegno.
Con un legaccino
annodo una cocca,
dalla penna al taschino,
così posso bere
ed esplorare i nuovi drink,
senza che ciò
noccia al poeta.

Perdendo la punta,
nel water di notte
in rigurgito vermiglio di botte,
lambrusco e pasta all’uovo.

Perchè è la prima legge dello scrittore,
“la pagina prossima non offendere”
lasciandola asciutta.
dunque offri un “che” da bere
dopo che hai per primo attinto
dall’ultimo bicchiere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...